Translate

Visualizzazione post con etichetta burocrazia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta burocrazia. Mostra tutti i post

Iscriversi all'AIRE, perché e come fare.

Perché è importante iscriversi e dopo quanto tempo conviene registrarsi all'Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero. 

L'AIRE è stato istituita il 27 Ottobre del 1988 con la legge n. 470 e su gestione Comunale e si basa sui dati ricevuti dalle rappresentanze consolari. 

Se ti sei trasferito all'estero o hai intenzione di farlo, leggere queste righe ti potrebbe essere utile, ovviamente mi riferisco a chi ha l'idea di restare per un periodo medio/lungo. 

L'iscrizione diventa obbligatoria per coloro che intendono vivere per un periodo superiore ai dodici  mesi, coloro che saranno all'estero per un periodo minore ad un anno, non sono tenuti a farlo. 

Partendo dal principio, l'AIRE è un archivio nel quale vi sono le informazioni ed i dati di tutti i cittadini italiani che si trovano al di fuori dei confini nazionali. L'iscrizione all'AIRE è gratuita.

L'iscrizione può essere fatta in due modalità, la prima ovvero quella "classica" è quella nella quale il cittadino decide autonomamente di dichiarare la volontà di risiedere all'estero per un periodo superiore ad un anno, la seconda, viene accertata "d'ufficio" ovvero vi sono i presupposti per la registrazione.

Ambasciata Italiana a Dublino
L'iscrizione può essere richiesta nei primi 90 giorni di espatrio, l'iscrizione può essere fatta anche prima di espatriare, verrà però completata quando l'ufficio consolare del nuovo paese di residenza, riceverà una lettera che permetta all'ufficio del comune di residenza di completare la procedura.

Bene detto questo, per quanto riguarda la procedura basta andare nella fattispecie, al consolato italiano e richiedere il modulo d'iscrizione, che è possibile scaricare anche da questo link.








I documenti necessari che vi verranno richiesti sono elencati qua:
  • Documento d'identità in corso di validità, oltre a quello di eventuali conviventi.
  • Documento che attesti l'attuale residenza nel paese estero (per es. utenze domestiche).  
Probabilmente vi serviranno anche uno scanner o una stampante.

Al termine della procedura online è possibile scaricare il modulo ed inviarlo al Consolato. L'invio può avvenire mediante firma digitale o firma del modulo PDF stampato.

Queste sono le procedure che la pratica potrà affrontare nel corso del tempo.

Dalla ricezione della documentazione all'espletamento della pratica possono essere necessari fino a 6 mesi, eventuali documenti mancanti, verranno richieste via mail.



Perché iscriversi all'AIRE?


Iscriversi all'AIRE è utile per accedere a servizi, ma è allo stesso tempo garante di alcuni servizi come per esempio:
  • Possibilità di votare per le elezioni del Comune di residenza e per l'elezione dei rappresentati Italiani al Parlamento Europeo.
  • Possibilità di ottenere il rilascio o rinnovo dei documenti d'identità e di viaggio o certificazioni.
  • Possibilità di rinnovare la patente di guida, previo controllo delle eventuali norme vigenti. 
L'aggiornamento dipende dal cittadino, che dovrà comunicare eventuali cambi di residenza o abitazione, cambiamenti nella condizione civile (matrimonio, divorzio ecc.), rientro definitivo in Italia o nel caso si verifichi la perdita della cittadinanza italiana.

La cancellazione dal registro AIRE avverrà nei casi sottoelencati:
  • Rimpatrio in Italia
  • Perdita della cittadinanza italiana
  • Morte o scomparsa; presunta o accertata.

Iscriversi all'AIRE fa decadere la copertura dell'assistenza sanitaria italiana o meglio, non si può usufruire del medico di base; dei servizi della mutua e dell'esenzione di eventuali ticket di esenzione.


Questione Tasse . . . 



Il cittadino che si iscrive all'AIRE sposta automaticamente anche la proprio residenza fiscale quindi dove si pagheranno le tasse? 

Il cittadino italiano iscritto all'AIRE che è quindi residente all'estero, per un'azienda estera e che versa il suo stipendio su un conto bancario estero, pagherà le tasse nel paese estero. Questo vale anche per i liberi professionisti che lavorano per enti esteri che pagano, ovviamente su un conto bancario estero.
Questo eviterà la possibilità di una "doppia imposizione di reddito".

Il cittadino italiano pagherà le tasse in Italia solo nel momento in cui è residente all'estero e lavora per una compagnia italiana che lo ha mandato all'estero con un contratto diretto con la compagnia "madre".


Note:


  • Il Governo Irlandese non riconosce le unioni civili e/o i matrimoni presso le Ambasciate.
  • I soggetti minorenni che sono regolarmente iscritti all'AIRE non sono tenuti ad iscriversi agli istituti scolastici dell'obbligo italiani.

63-65 Northumberland Rd, Dublin 4 


14 Three Kings Yard, London W1K 4EH

Dublino: Case & Affitti

Trovare una sistemazione a Dublino per un periodo medio - lungo può sembrare una situazione complessa, ma non impossibile.
La prima cosa da fare è cercare la zona d'interesse, che sia vicina o comunque ben collegata all'eventuale lavoro, l'università o qualsiasi punto d'interesse.

Una volta trovata la zona, bisogna spulciarla per intero, molte volte si possono trovare case in condivisione, stanze singole, appartamenti studio, simile ad un monolocale, ma se la ricerca dovesse rivelarsi più ardua del dovuto,  esistono delle agenzie che affittano delle stanze e che possono offrire anche un pacchetto casa/studio. 


I canoni d'affitto a Dublino, sono medio - alti vista la grande domanda per questo per ogni persona che rifiuta ad un appartamento, ce ne sono altri pronti ad accettare, infatti molti appartamenti possono essere visitati in modalità "open view" o meglio conosciuta come aperta al pubblico, in quel caso ci saranno altre persone che vedranno la casa con voi, vi verrano chieste referenze del lavoro, dell'attuale proprietario e un ipotetico salario annuale, nel momento in cui farete l'offerta, verrete contattati per saperne l'esito.
Bella gatta da pelare, ma come vi ho scritto, non è impossibile. 

Bene, ora vediamo dove poter cercare, esistono due siti, affidabili e seri, Daft.ieMyHome.ie e Rent.ie

Sia Daft che MyHome, offrono la possibilità di scaricare l'app, entrambe molto utili, veloci ed efficaci e ovviamente molto semplici da usare.

Su questi siti è possibile cercare casa, in affitto, in condivisione, acquistare ed è possibile cercare anche una casa vacanza, molto utile se il soggiorno a Dublino e di un mese o meno.
La prima cosa da fare è cercare la zona d'interesse, con i filtri è possibile affinare la ricerca cosi da renderla più veloce, ma soprattutto precisa. Sotto una foto del sito Daft.ie, veramente facile ed utile.

Sito Daft.ie

È importante precisare una cosa, il modo più sicuro per cercare casa è stare sul posto, diffidate di chi vi offre la casa, mentre state in Italia o altrove. 

Il più delle volte, vi chiederanno il pagamento di una caparra, per poi inviarvi per posta o tramite corriere, le chiavi. TRUFFA
Esempio di ricerca, Daft.ie
Come in tutte le capitali d'Europa, più si abita vicino al centro città, più aumentano gli affitti. Come già detto, questo "fenomeno" si verifica, perché c'è una richiesta smisurata e questo permette ai proprietari e le agenzie di giocare al rialzo.

Nello specifico, una casa con una camera da letto, un bagno ed una cucina può andare dai 900€ ai 1500€, ovviamente a seconda della zona, ma converrete con me, che parliamo di prezzi molto alti.

Zone di Dublino.
Nella foto che trovate qui al lato, potete farvi un'idea delle zone, le zone "centrali" sono Dublino 1 e Dublino 2, divise tra di loro dal fiume Liffey.
Le zone limitrofe, sono considerate vicino al centro, quindi avranno anche queste zone, avranno un prezzo "maggiorato."

Ovviamente nel caso di Dublino 7,  per esempio, ed in particolare vicino al Phoenix Park (il parco recintato più grande di  Dublino, che poi vedremo nel prossimo articolo), avremo una maggiore richiesta di affitti, per la vicinanza al parco.


Trovare una sistemazione ben servita dai mezzi è molto importante, perché non sempre è possibile trovare casa vicino a lavoro e per questo avere una fermata del bus o una stazione Luas nelle vicinanze, rende la cosa molto più semplice.


SE TI SEI PERSO L'ARTICOLO "MUOVERSI A DUBLINO" CLICCA QUI:



Anche su Facebook è possibile trovare una sistemazione, tramite i gruppi che ci sono, tante volte si trovano stanze o case in condivisione, ma anche li ATTENTI ALLE TRUFFE. Prima di pagare, accertatevi sempre dell'effettivo funzionamento delle chiavi e chiedete sempre una copia del contratto. In molti casi è probabile che ci sia un "RENT BOOK", in pratica un libro nel quale, il proprietario, annota e firma il canone mensile.


Bene, dopo aver visto i maggiori siti dedicati alla ricerca di un alloggio a Dublino, estendibili ovviamente anche alle altre città, come accennato ad inizio articolo, ci sono delle agenzie che offrono dei pacchetti che vanno, dalla sola sistemazione, pacchetto base,  al pacchetto completo, che include: alloggio, consulenza per il lavoro ed un corso d'inglese.
Oltre questo è possibile anche usufruire del loro servizio Tour.

Nello specifico queste agenzie si chiamano: Eazy City e Viva Dublin.

Io personalmente, mi sento di consigliare la prima, perché è stata quella che ho scelto, quindi posso assicurare che il servizio è ottimo. Io ho usufruito del pacchetto completo, ovvero, alloggio per un mese, corso d'inglese di un mese e cosa molto importante, il servizio lavoro, utile per chi vuole cercare lavoro, ma ancora di più per la preparazione di un Cv e di una Cover letter.
Inoltre, avendo la sistemazione con queste agenzie è possibile anche ricevere una lettera che attesta che voi alloggiate in Irlanda, molto utile per la burocrazia e per un eventuale lavoro.


SE VUOI SAPERNE DI PIU SULLA BUROCRAZIA IRLANDESE CLICCA QUI



Se cercate consigli o una panoramica su dove trovare un alloggio, quali sia le zone più o meno economiche, l'articolo che vi posto è molto utile, anche se di 4 anni fa, posso confermare che ad oggi nulla è cambiato: 


CURIOSITÀ

IL CONTRATTO VALE COME PROVA D'INDIRIZZO ?

No, molte volte la famosa Proof of Address o appunto, prova d'indirizzo, non può essere dimostrata col contratto di casa, il più delle volte basta, un'utenza, che porti il vostro nome e cognome, sono accettate sia l'utenza telefonica sia quella elettrica.

LE REFERENZE SONO OBBLIGATORIE ?

Ni, nel mio caso il mio proprietario o landlord, non ho voluto nessuna referenza, i precedenti landlord che ho incontrato hanno rifiutato anche più di 5 mensilità, ma nella maggior parte dei casi, SI, cercano le referenze, ma ci sono delle eccezioni, per esempio ci sono agenzie che chiedono dalle 2 alle 4 mensilità come deposito e garanzia.

BAGNI SENZA ELETTRICITÀ ...

E bene si, la maggior parte delle case in Irlanda, non è dotata di prese elettriche, questo per una questione di sicurezza, molte volte però è possibile trovare una presa che può essere utilizzata per i rasoi elettrici.

ESISTE IKEA ?

Purtroppo si, esiste IKEA, dico purtroppo, perché puntualmente e questo mi è successo quando ho vissuto a Roma, tu ti rechi lì per comprare una lampadina, ma non si sa come, ritorni a casa con un divano, una scarpiera, sedie e affini, insomma tutto, tranne la lampadina.
Consiglio: se vi trovate da Ikea e avete comprato più del dovuto, un opzione facile e veloce, per tornare a casa e quella di prendere un taxi, si può prenotare un taxi grande e caricare il tutto.

Se l'articolo vi è piaciuto lasciate un commento ed iscrivetevi. 
Grazie a tutti e alla Prossima. 
Vi ricordo che potete seguirmi anche su Instagram cliccando qui: 

Antonio Caracallo




Procedura per iscriversi all'albo infermieristico irlandese NMBI.


Se sei un infermiere e la tua intenzione e lavorare in Irlanda, questa guida ti aiuterà a chiarire eventuali dubbi e/o incertezze, premetto che dal 2 Aprile 2018 è requisito fondamentale avere la certificazione IELTS. Per mie esperienza personale, l'iscrizione si è completata in circa 3 mesi.

Come già accennato in precedenza, la certificazione IELTS dalla suddetta data diventa requisito fondamentale per ricevere il Pin (codice numerico con il quale è possibile verificare l'avvenuta iscrizione all'albo irlandese) e di conseguenza iniziare a lavorare in Irlanda.


Punteggio della certificazione
minimo richiesto

Nel caso in cui siate già in possesso della certificazione IELTS, la prima cosa da fare è collegarsi al sito del NMBI per richiedere l' Application Pack.

In pratica serve per iniziare la procedura d'iscrizione tramite il link in basso è possibile collegarsi al sito dedicato:  https://www.nmbi.ie/Registration/Trained-outside-Ireland/Application-Process/Application-Request-Form scaricare il documento da compilare ed inviare al NMBI.


In breve i passi da seguire per l'iscrizione
Questa procedura ha un costo di 350€ che possono essere pagati "comodamente" compilando la sezione dedicata, inserendo i vostri dati anagrafici e della vostra carta di debito/credito.
Una volta inviato il form, l' NMBI in circa due settimane vi rimanderà all'indirizzo da voi indicato, l' Application Pack.

In questo link una guida su come compilare l'Application Pack
https://www.nmbi.ie/NMBI/media/NMBI/Publications/Overseas-guide-for-applicants_updated_Jan2018_1.pdf?ext=.pdf

Bene, una volta ricevuto il plico è possibile registrarsi sul sito utilizzando un codice che troverete nel plico, poi bisogna iniziare a reperire tutti i documenti necessari, nel plico troverete 2 parti, la prima è personale e richiede una serie di documenti che dovranno essere inviati da noi.

La seconda parte, richiede documenti da parte di terzi e dovranno essere inviati solo ed esclusivamente dalle parti interessate.
Quella obbligatoria è un form che deve essere compilato, timbrato, firmato e inviato dall' Ipasvi d'iscrizione nel quale si è iscritti. Nella seconda parte ci sono anche 2 sezioni facoltative dedicate all'università e all'eventuale datore di lavoro.

Vi verra richiesta inoltre una foto, formato passaporto da apporre nell'area dedicata, oltre questo ci sono 2 documenti necessari, che possono essere richiesti al Ministero della Salute:

Il primo documento si chiama Good Standing o Certificati di onorabilità professionale qui il link per richiederlo http://www.salute.gov.it/portale/ministro/p4_8_0.jsp?lingua=italiano&label=servizionline&idMat=PROFS&idAmb=RTI&idSrv=AGGS&flag=P
Tempo d'attesa: 3-4 settimane. Costo: marca da bollo di 16€.

Il secondo si chiama Attestato di Conformità e si può richiedere tramite questo link: http://www.salute.gov.it/portale/ministro/p4_8_0.jsp?lingua=italiano&label=servizionline&idMat=PROFS&idAmb=RTI&idSrv=AG2&flag=P
Tempo d'attesa: 2 mesi circa. Costo 16€

Altro documento che vi verrà richiesto nel plico è una copia autenticata del passaporto ed è possibile farla in questura ed in alcuni casi anche al proprio comune di residenza.
Nel proprio comune di residenza è possibile chiedere il "Certificato di nascita multilingue".
Vi servirà anche il certificato di Laurea in lingua inglese, io mi sono laureato a Tor Vergata è l'ho fatto in 10 minuti. Tempo: 10-20 minuti. Costo 2 marche da bollo da 16€ (Tor Vergata).

Vi serviranno anche: Casellario Giudiziale e Carichi pendenti, entrambi hanno un costo che va dai 20€ ai 25€ nel caso i cui venissero richiesti con urgenza.

Ovviamente tutti i documenti in lingua italiana devono essere tradotti in inglese da traduttori riconosciuti, requisito fondamentale per la buona riuscita dell'iscrizione. 

***Un mio consiglio personale è quello di recarvi anche presso la vostra Asl e richiedere il certificato delle vaccinazioni, questo documento non serve per l'iscrizione, ma è probabile o meglio quasi certo che vi potrebbe essere chiesto al momento di un'eventuale assunzione. ***


Quindi ricapitolando i documenti obbligatori sono:




  • Casellario giudiziale e Carichi pendenti (Ministero della Giustizia).
  • 1 Foto formato passaporto
  • Good Standing e Attestato di Conformità (Ministero della Salute).
  • Certificato di nascita multilingue (Comune di residenza).
  • Certificato di laurea in lingua inglese.
  • Fotocopia autenticata del Passaporto (Questura).
  • Certificato di Laurea (Segreteria universitaria).
  • Form IPASVI (l'invio deve essere fatto dalla segreteria stessa).
Una volta che tutti i documenti arrivano in Irlanda, dopo circa 2 settimane ci sarà l'esito della vostra domanda è possibile seguire il percorso della vostra domanda tramite il sito ufficiale, accedendo con le vostre credenziali e cliccando sulla sezione "Registrazione Status".
Bene se l'esito è positivo, vi arriverà una mail, con un altro form nel quale vi verrano chiesti 150€, per terminare l'iscrizione. La procedura è la stessa, dati anagrafici e dati della carta utilizzata per il pagamento.
Fatto questo in una settimana al massimo, avrete il Pin e controllare la vostra posizione sul sito nella sezione "Check the Register"



Serve il passaporto in Irlanda?
No, facendo parte della comunità europea, non serve, ma se vi trasferite qua, dopo dovreste recarvi in Italia per fare la richiesta, quindi se la vostra intenzione è stare in Irlanda per un periodo medio - lungo vi conviene farlo, mentre aspettate di completare la procedura.

Come spedire i documenti?
Io ho usato la classica raccomandata internazionale di Poste Italiane, che può essere tracciata fino al confine ed è possibile controllare l'avvenuta consegna.
Può essere spedita da tutti gli uffici postali.

Condizioni meteorologiche?
Il tempo in Irlanda non è molto amichevole, il freddo la fa da padrone e la pioggia può durare anche un giorno intero, ma nel mezzo ci sono delle giornate in cui è piacevole uscire e girare per il centro città, che comunque ha il suo fascino, con o senza bel tempo.

Condizioni lavorative?
In Irlanda si adotta una turnistica di 12 ore, con un'ora di break divisa durante la giornata, nel mio caso si lavora 3 giorni in una settimana, 4 giorni nell'altra, quindi circa 14 gg lavorativi, ovviamente se si vuole è possibile lavorare anche qualche giorno in più.
La malattia di breve periodo non è pagata, solo in casi di malattia lunga interviene il Social Welfare, che esamina il caso e decide o meno se pagarvi l'indennità di malattia.

Si vive bene?
Decisamente si, la città ha sempre qualcosa da scoprire, si può camminare a piedi e godersi le costruzioni in giro, i pub tipici, visitare i tanti parchi sparsi per la città e gustare del buon cibo, non solo irlandese, ma anche di diverse nazionalità.


Se l'articolo vi è piaciuto lasciate un commento ed iscrivetevi al blog.
Grazie a tutti e alla Prossima. 

Vi ricordo che potete seguirmi anche su Instagram cliccando qui: 


Antonio Caracallo













La mia testimonianza per Italiani nel mondo

Ringrazio la community Facebook "Italiani nel mondo", per avermi dato la possibilità di raccontare la mia esperienza in Irlanda.
Mi presento, mi chiamo Antonio, ho 26 anni e sono un infermiere, da Gennaio vivo e lavoro a Dublino, capitale della Repubblica d'Irlanda, non lavoro ancora come infermiere, ma ho iniziato come Health Care Assistant (l'equivalente del nostro Oss), per migliorare la lingua inglese e imparare tutta la terminologia che si usa in queste strutture.
A breve dovrei iniziare come infermiere, presso la Nursing Home dove tutt'ora lavoro.
Una delle tante motivazioni che mi hanno spinto a trasferirmi è stata quella di cercare una stabilità, sia economica che lavorativa, cosa che in Italia purtroppo non ho trovato.
La formazione universitaria è una delle migliori al mondo, per questo provo un pò di rabbia, per chi come me, ha dovuto lasciare il Bel Paese, per essere riconosciuto professionalmente come tale.

Per lavorare in Irlanda come infermiere è necessario un documento da parte del Ministero della Salute che attesta la conformità europea del titolo universitario italiano.
Questo è un'altra serie di documenti quali: Casellario giudiziale, carichi pendenti, attestato iscrizione IPASVI e Good standing, devono essere tradotti e inviati all'albo Irlandese NMBI allegano anche fotocopia autentificata del passaporto e foto. Inoltre dal 2 aprile sarà necessario avere una certificazione IELTS, test apposito e propedeutico per completare l'iscrizione all'albo irlandese.

Una volta che la procedura si è conclusa con l'assegnazione del PIN (durata che va dai 3 ai 6 mesi) è possibile iniziare a lavorare, previo presentazione di un altro documento: La Garda Vetting equivalente del nostro casellario giudiziale e carichi pendenti, obbligatorio per lavorare con categorie a rischio quali minori, anziani o persone invalide.
Questo documento il più delle volte e richiesto dalla struttura stessa, all'applicante arriverà una mail dalla Garda (organo predisposto alla pubblica sicurezza) da compilare e rinviare.
L'applicazione può essere tracciate tramite il sito allegato alla mail ed una volta avuto riscontro positivo è possibile cominciare a lavorare. (durata 2-3 settimane)

L' occupazione per il mio settore c'è ed essendo una città estremamente meritocratica è possibile fare carriera, sia in ambito clinico che in ambito manageriale.

Una volta avuto il contratto di lavoro è possibile accedere alla burocrazia irlandese, ovvero:

  • PPS Number ovvero Personal Public Service number composto da 7 numeri e 1 o 2 lettere questo è un documento indispensabile per chi vuole lavorare in Irlanda. 
  • Conto corrente Irlandese obbligatorio per il pagamento dello stipendio.
  • Revenue o ufficio delle tasse, serve per registrare la propria posizione fiscale, questa procedura si compone in 2 parti: Registrazione e Richiesta Pin (dal momento della registrazione all'arrivo del Pin passano massimo 5 gg lavorativi), una volta avuto il Pin la prima cosa che vi verrà  chiesto sarà di impostare un pin personale. La registrazione alla Revenue è importante perché nel caso in cui non si è iscritto in busta paga sarà presente la voce EMERGENCY TAX, ovviamente prima si completa  la procedura, meno saranno le tasse pagate in "più". Le tasse pagate in più verranno restituite nella prima busta paga utile e la voce Tax sarà NORMALE. La procedura da qualche mese è completamente online, senza andare all'ufficio, se non per altre motivazioni.
Per raggiungere la struttura dove lavoro ci impiego un'ora con i mezzi, mi basta un solo Bus che prendo vicino casa e mi lascia ai piedi della collina che ospita la struttura.

La mia giornata lavorativa dura 12h di cui un'ora per il break divisa in: 2 pause di 15 minuti mattina e sera ed una di 30 minuti per il pranzo. La Nursing Home dove lavoro ci mette a disposizione caffè, latte, toast, biscotti e marmellate varie. 
La mattina si comincia alle 8.00 si inizia col dare la colazione ai residenti ed aiutare quelli che non sono autonomi, dopo colazione si passa alle cure igieniche e alla vestizione, si portano tutte insieme nella Day Room, utile per socializzare e nella quale viene servito il Thè e dove si svolgono molte attività per allietare la giornata dei residenti. 

Alle 12 e alle 17 vengono servite rispettivamente pranzo e cena e dopo si accompagnano i residenti nelle loro stanze per il riposo della notte. Gran parte dei residenti è affetto da demenza, quindi capita che a volte ripetano più volte la stessa cosa o che si dimenticano dove si trovano. Stare con questi pazienti è molto importante, perché oltre ad insegnarti la lingua, ti insegna anche tanto dal punto di vista umano. 
Una bella esperienza, in attesa della promozione. 

In tutto il mese lavoro circa 14 giorni ed il resto del tempo lo passo con la mia compagna, con gli amici ed il mio cane. Oltre ad essere un appassionato di calcio, da qualche giorno ho lanciato un mio piccolo blog sul quale scrivo e scriverò, la mia esperienza qui a Dublino. 


Ultimo articolo

Nuovo sito Un Infermiere a Dublino

Ciao a tutti questo sarà l'ultimo articolo che pubblicherò su questo blog.  Questo perchè è stato creato un nuovo sito dedicato &q...

Leggi anche